CAKE TROPICALE

Ieri ho provato questa ricetta che mi e’ proprio piaciuta.
L’ho trovata in "Sundays at Moosewood Restaurant" e l’ho modificata a mio gusto. 
Mi piacciono i libri del ristorante Moosewood, che propone ricette vegetariane (o pescetariane, visto che contemplano anche il pesce) che si possono propinare anche agli onnivori con soddisfazione. L'unico problema iniziale e' dotarsi del magazzino di spezie ed ingredienti particolari che richiedono. A volte c'e' un contenuto di grassi e zuccheri superiore al rispettabile (yum!) pero' e' anche facile tagliare qui e li' o sostituire ingredienti per ottenere risultati un po' piu' salutari.
Questo volume e' simpatico perche' propone ricette suddivise per territori (caraibi, cuba, ecc.) e si possono fare pranzi a tema. Ovviamente essendo gli autori statiunitensi, le ricette non so quanto siano fedeli agli originali, pero' sono sicuramente godibili.
Io ne possiedo una copia usata. La precedente proprietaria adorava la cucina finlandese, cosi' ora il mio volume e' diviso in due tomi all'altezza di una zuppa di lenticchie finnica.

Ingredienti:
35 g di burro (la ricetta ne chiedeva di piu': ho tagliato considerando che la banana comunque e' sufficientemente umida da rendere la torta morbida)
75 g di zucchero di canna (la ricetta ne chiedeva di piu', ma secondo me si puo' metterne anche di meno, anche se la mia dolce meta' dice pero' che non esiste torta troppo dolce...)
Due uova
Due banane mature (medie)
3 cucchiai di latte (ho usato invece un bicchiere di latte di cocco avanzato)
75 g di cocco a scaglie
Il succo e la buccia di un lime (ma avevo solo limone, ne ho messo metà)
260 g di farina (ho messo 200 g e 60 g di fiocchi di cereali)

1/2 cucchiaino di zenzero (me l'ero scordato!)
Un cucchiaino di lievito (ne ho messi due)

Cosa serve:

due ciotole (una per gli ingredienti secchi e una per l'impasto)
la bilancia
un cucchiaio e un frustino
un raschiagrumi o una grattugia (io adoro il mio Raschiagrumi della WMF: l'ho preso dopo grandi titubanze ma ora e' uno degli utensili favoriti: la buccia viene a listarelle, ma vedo che nell'impasto delle torte si perde. Si sta qualche secondo a ricavare la buccia, altro che quelle tristi grattugie e mezza buccia sprecata).


uno spremiagrumi
una tortiera di silicone



Come si fa:
Si riscalda il forno a 180 gradi.
Si monta il burro a crema con lo zucchero, si aggiungono le uova, il latte, il succo e la buccia grattugiata del lime, le banane schiacciate con la forchetta.
In un’altra ciotola si mescolano farina, cocco grattugiato, zenzero e lievito.
(variante: Ho aggiunto anche dei datteri a pezzetti dei quali mi volevo liberare.)

Si versa il tutto nella parte liquida e si mescola brevemente, sino a quando e' appena amalgamato. Si versa il composto nella tortiera.

Si inforna e si cuoce per un’oretta o fino a quando inserendo uno stecchino viene fuori asciutto (piu’ o meno, visto che ci sono le banane).

Devo dire che stamattina a colazione mi ha dato soddisfazione. Pippo l’ha snobbata, ma non si puo’ aver tutto.

Liberatoria: Tutti i diritti d’autore relativi alle ricette menzionate spettano esclusivamente agli autori e/o all’editore. La ricetta riportata e’ liberamente ispirata dal testo citato, ma non ne costituisce una rappresentazione fedele ed originale. Eventuali misurazioni previste in altri sistemi sono state convertite, a discrezione della scrivente, nel sistema metrico e possono presentare variazioni piu’ o meno sensibili rispetto al testo citato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Letture ed una torta al limone

Venezia: Museo di Storia Naturale