(indecisione sui libri delle crostate)


In questi giorni sto riflettendo su quale libro prendere per fare le crostate americane.  

Mi viene il sospetto che condividere la mia indecisione sui libri sulle crostate sia un po' discutibile.
Intanto perche' mi rendo conto che, rispetto ai gravi mali che affliggono il mondo, essere indecisa se acquistare o meno, e se si quale libro sulle crostate è assolutamente indecoroso. D'altro canto, ognuno ha i suoi sistemi per farsi passare i blues, ed il mio generalmente è - aiuto! - lo shopping o la cucina. Nel tentativo di curare la mia triste propensione allo shopping ho scaricato da internet un paio di ricette. Però vuoi mettere un bel libro patinato da poter infilare in libreria e da consultare di quando in quando? Vediamo se riesco a resistere...
 
Comunque, questi sono alcuni dei libri che sto considerando. 

Nancie Mc Dermott ha scritto molti libri di ricette, la maggior parte riguardano cucina tailandese, però ci sono anche un paio di volumi sulle torte e crostate del sud degli Stati Uniti. Da quando ho visto la copertina di Southern Pies, sono qui con l’acquolina in bocca (per quanto non sia amante dei dolci) per sfornare quella crostata al lime. La ricetta per la apple pie che ho trovato nel suo blog era spiegata passo per passo con tanto di foto suddivise per fasi di lavorazione. 



Michele Stuart ha vinto prestigiosi premi ed è titolare della sua pasticceria. Nel suo sito ci sono un paio di ricette e, sempre guardando quella sulla apple pie, l'ho trovata abbastanza moderna ed adatta al già largo giro vita della scrivente (lo so che pensare di comprare un libro sulle crostate è già decadente di suo, non si può certo sperare di mettere qualcosa al forno e di dimagrire…però magari ci si può sentire un po’ meno in colpa). Sto valutando di prendere la sua ultima fatica Perfect Pies & More.
 




Poi c’è Hoosier Mama. Anche l'autrice è una pasticcera professionista. Ho letto l’introduzione di Book of Pie e mi è piaciuto il suo spirito e la sua dedizione alla crostata. Peccato che non si possano prendere tutti, ci rifletterò ancora un po’ e poi mi deciderò (salvo che non rinsavisca e non pigli proprio nulla - ha ha - ci credo già poco io mentre lo scrivo).


Tutti i diritti d’autore relativi a quanto sopra menzionato spettano esclusivamente ai rispettivi titolari.



Commenti

Post popolari in questo blog

Struggles and strudel