PASTA (simil) ‘NCASCIATA ALLA MIA MANIERA

Siccome di cucina siciliana non ne so nulla, la mia prima e seconda pasta ‘ncasciata avevano poco a che fare con la tradizione.

Da quel che leggo, si tratta di un pasticcio condito con ragu’, salame, melanzane fritte, uova sode e formaggio. Insomma, tutti gli ingredienti fondamentali per una pasta con i fiocchi.

La mia prima tragedia e’ che si tratta di un piatto estivo, ma io - incosciente del pericolo - ho comunque comprato delle melanzane dicembrine che, per quanto esteticamente impeccabili, erano dello stesso colore dentro e fuori. Addio quattro euro, mi mancherete.

Quindi mi sono rivolta alla cara e fedele zucca per sopperire alla tristezza della separazione prematura con le verdurine da friggere.

Servirebbero poi dei formaggi siculi, tipo caciocavallo. Visto che dalle mie parti costa piu’ di un prodotto importato dall’Australia, ho privilegiato i fratelli locali.

Per la pasta leggendo in profumodicasamia ho appreso che e’ meglio della pasta liscia, che io evito come la peste. Sono andata a ravanare nella dispensa di mia madre, e ho trovato questa pasta qui, che mi pare sia andata bene.
Le uova doveva lessarle mia madre, ma si e’ dimenticata.

Per sei persone, cosa serve:

olio e pangrattato q.b. per la teglia
500 g calamarata siciliana
350 g sugo al pomodoro
300 g zucca cotta
8 fette di soppressa tagliate a quarti
150 g asiago
Un pomodoro ramato a fettine sottili
1 cipolla affettata sottilmente e saltata per un paio di minuti in padella
Olio e peperoncino q.b.
50 g parmigiano grattugiato

Come si fa:

Si unge la teglia e la si spolvera di pangrattato.
Si cuoce la pasta molto al dente. Si condisce col sugo.
Si versa in teglia. Si copre di pezzetti di zucca, di soppressa e di formaggio. Da ultimo si copre con le fettine di pomodoro, la cipolla, una spolverata minimalista di peperoncino e il parmigiano.
Poi in forno a 180 gradi per circa venti minuti e buon appetito.

oOo

Pasta ‘ncasciata is a traditional recipe from Sicily. Since I come from another part of Italy, please understand that my version is diverse but still edible.

Basically this is a baked pasta that is prepared in the summer months. Among the ingredients you can find Bolognese sauce, salami, fried eggplants, hardboiled eggs and cheese. When I read the recipe, I thought it was definitely worth to have during the holidays.

The problem is that eggplants are out of season. I purchased them nonetheless, but I had to throw them away as they looked kind of gothic and creepy inside.

I believe this dish is perfect to use some leftovers.

Just cook some pasta, dress it with your favorite sauce (in my case tomato), cover it with some vegetables, some cold cuts, cheese, a sprinkle of chili pepper and bake it for fifteen minutes. I have no idea how it turns into something fancy.

What you need (my version for 6 hungry people):

Oil and bread crumbs to coat the baking pan
1 pound cooked pasta (possibly penne lisce or other smooth short pasta)
1 cup tomato sauce
1 cup cooked pumpkin cut into chunks
8 slices salami cut into quarters
5 ounces grated cheese such as asiago
Chili pepper
2 ounces grated sharp cheese such as parmigiano
Garnish (optional): a thinly sliced tomato and a thinly sliced onion (shortly wilted in a pan with a drizzle of olive oil)

How to do it:

Coat the baking pan with oil and bread crumbs. This is essential. Do not use sad parchment paper or taste-like-nothing non stick spray.

Dress the pasta with the sauce. Pour it in the baking pan. Cover it with vegetables, salami, cheese (in this order). Sprinkle some chili pepper on top. If you just add a very little, it will just kick start the taste, if you like to feel that familiar lovely burning heat, help yourself.

Add tomatoes and onions, if using. Top with grated cheese.

Bake at 350 for 15-20 minutes until cheese is bubbling. Buon appetito.



Commenti

Post popolari in questo blog

Letture ed una torta al limone

Venezia: Museo di Storia Naturale