Fagioli vagamente alla brunswick


Ultimamente sono affascinata dalla cucina del sud degli Stati Uniti. Trovo irresistibile la combinazioni delle influenze che si sono mescolate per dar vita a piatti unici e nutrienti.

Nel contempo non essendo molto carnivora, pesco idee che poi immergo in versioni vegetariane di piatti più elaborati.

Per esempio c’e’ uno stufato alla moda Brunswick, che prevede carne cotta con fagioli e varie verdure in un sugo denso e vagamente profumato di spezie e zuccheri. Anche se nella maggior parte delle ricette ci sono i consueti animali (pollame, manzo e suino), apparentemente si cucinano anche selvaggine locali (scoiattoli, opossum…).

Qui la mia semplice versione senza carne, adattata dal mio solito favorito Sundays at Moosewood, che sono pure tentata di ricomprare visto che la mia copia è involontariamente suddivisa in più volumi.

Cosa serve (per una folla di affamati):

500 g di fagioli, ammollati per una notte (ho usato fagioli neri), e cotti a pressione per 20 minuti dal fischio
1 cipolla, tritata
1 gambo di sedano, affettato
2 carote, mondate e affettate
Olio e sale q.b.
1 bicchiere di succo di mela
2 cucchiai di salsa worcestershire
1 cucchiaio di salsa barbecue
1 cucchiaio di senape
2 pomodori a cubetti
Succo di due arance


Soffriggere gli odori. Sfumare con il succo di mela e la salsa worcestershire. Aggiungere tutti gli altri ingredienti e cuocere a fuoco basso per venti minuti circa.

Ce li siamo gustati con del cornbread (condividero’ la ricetta un’altra volta). Gli avanzi, appena tiepidi, sono ottimi per domare i radicchi più amari e croccanti.



Lately I am fascinated with southern cuisine. I find hard to resist the endless combinations of varied influences that were mixed to give birth to unique and nutritious meals.

At the same time, as I am not very much of a carnivore, I fish out ideas that later I submerge in vegetarian versions of more elaborate preparations.

Take the Brunswick stew, that normally has some meat cooked with beans and vegetables in a dense sauce vaguely perfumed with spices and sugars. Although most recipes I browsed call for the usual suspects (chicken, beef and pork), apparently also other locals animals are used (squirrels, opossum, …).

This is my simple meatless version, adapted from one of my usual favorite cookbooks that I am even tempted to repurchase, given that my copy is inadvertently divided in several volumes.

What you need (for a hungry crowd):

2 cups of dried beans, presoaked overnight and cooked under pressure for 20 minutes (from the whistling)(I used black beans)
1 onion, minced
1 celery stalk, sliced
2 carrots, peeled and sliced
Oil and salt to taste
1 glass of apple juice (about ½ cup)
2 tbsp Worcestershire sauce
1 tbsp barbecue sauce
1 tbsp mustard
2 tomatoes, cubed
Juice of two oranges

Sauté the onion, celery and carrots. Add apple juice and Worcestershire sauce and cook until evaporated. Add everything else and simmer for twenty minutes.

We enjoyed it with some freshly baked cornbread (I will share the recipe another time). As leftovers, slightly warmed, it is a perfect match for bitter lettuces.



Commenti

Post popolari in questo blog

Letture ed una torta al limone

Venezia: Museo di Storia Naturale